Estate 2018: quando le parole non bastano

Raccontare l’estate del 2018 è un’impresa ardua.

Potremmo iniziare partendo dai numeri, per esempio raccontando dei 300 ospiti, provenienti da tutta Italia (ma anche da fuori) che hanno scelto di venire a fare il bagno da noi (+ 25% rispetto allo scorso anno). Ma a questo numero andrebbero aggiunti gli accompagnatori, gli amici, i visitatori… e con un ordine di migliaia di persone avremmo forse solo una vaga idea del pullulare di vita della nostra amata Terrazza.

Potremmo allora parlare dei VIP che questa estate ci hanno sostenuto venendo a trovarci, come Giuliano Sangiorgi, PIF, Valentina Vezzali e Stefano Pantano (o che ci hanno mandato un messaggio come Giorgia). Ma questo non renderebbe giustizia alle “Very Important Person” della nostra spiaggia, che sono sempre i nostri ospiti, il cuore pulsante per cui lavoriamo, la fonte della nostra energia.

E, a proposito di sostegno, potremmo magari soffermarci sulla partnership con UBI Banca che ha deciso di aggiungersi ai nostri partner ormai “storici” come Comune di Melendugno, ASL di Lecce, AISLA, Polizia di Stato. Ma questo forse toglierebbe spazio a tutti i nostri sostenitori che attraverso le donazioni libere, magari anche portandosi a casa un solo braccialetto, hanno deciso di continuare a finanziare un progetto che da quattro anni resta completamente gratuito per tutti gli ospiti ed i loro accompagnatori.

Ancora, potremmo raccontare della grande gioia provata nel vedere inaugurate le due strutture balneari che hanno ripreso il nostro format, quella in Sardegna realizzata da “Le Rondini” e quella in Emilia Romagna realizzata da “Insieme a te”. Ma poi, presi dall’entusiasmo, non riusciremmo a mantenere il riserbo sulle prossime iniziative di IO POSSO che partiranno in autunno e che renderanno il nostro lavoro ancora più completo, più forte e a servizio delle persone con gravi disabilità motorie.

E magari, a colonna sonora di questa estate, potremmo mettere la canzone “’mbrazzame!” composta dal nostro ospite Rocco Mangia e da Antonio Castrignanò, il cui videoclip, realizzato da Fernando Luceri e tanti amici di IO POSSO, è stato lanciato ufficialmente ai primi di luglio; a patto però di ricordare anche le canzoni un po’ stonate cantate sotto i nostri gazebo quando la tramontana non ci permetteva di entrare in mare ma la voglia di stare insieme ci riscaldava lo stesso.

Forse, per rendere l’idea di questa estate, potremmo fare un bel montaggio di tutte le foto e i video fatti in Terrazza. Ma, anche in questo caso, sapremmo che tutto questo sarebbe solo un piccolissimo assaggio, un semplice barlume, incapace di illustrare la luce sprigionata dai volti dei nostri ospiti felici, soprattutto di chi, grazie a «La Terrazza “Tutti al mare!”» ha potuto gustare il suo primo ingresso in mare, come il signor Gaetano che ha festeggiato il suo primo bagno a 76 anni.

No. Non esistono parole sufficienti. Resta soltanto la frase chiave, quella che racchiude tutto, che ispira il nostro lavoro quotidiano, quella che accoglie i nostri ospiti all’ingresso e che li saluta alla loro partenza.
«Terrazza “Tutti al mare!”: liberi di essere felici!”.

2018-09-16T06:15:48+00:00

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.